Clicky

Trovare un partner non è mai stato così facile: scegli la tua app per appuntamenti

Cupido è un algoritmo

In questa prima sezione vogliamo parlare del web e delle applicazioni serie, ovvero le più appropriate per trovare un partner quando il tuo obiettivo è stabilire una relazione duratura. In qualche modo, queste piattaforme sono dirette eredi delle vecchie agenzie matrimoniali, il cui obiettivo principale era quello di raccogliere dati da uomini e donne per trovare la corrispondenza perfetta – la coppia – prendendo in considerazione fattori come l’età, i gusti o lo status sociale, il tutto basato su questionari esaurienti.

Quando pensiamo alle probabilità che abbiamo di trovare il partner ideale all’interno della nostra routine sociale, rispetto alle probabilità che la tecnologia ci offre, è chiaro che la matematica può aiutare Cupido, convertendolo in un freddo algoritmo, per dare un piccolo impulso all’amore. Quante possibilità avremmo di trovare quella coppia perfetta senza l’aiuto di quei questionari esaustivi e senza l’immediatezza fornita da Internet?

trovare una coppia

Meetic , eDarling o be2 sono piattaforme generaliste per trovare una coppia, che offrono il loro servizio a tutti i tipi di persone, con gusti e obiettivi diversi oltre l’ideale romantico di trovare la tua «metà del cielo», ma è vero che cercano di stabilire dall’inizio e in modo chiaro le questioni fondamentali, per evitare equivoci. La prima cosa che chiedono è il tuo sesso, ma anche quello del tuo futuro partner: un uomo che sta cercando una donna, una donna che sta cercando un uomo, un uomo che sta cercando un uomo o una donna che sta cercando una donna. In ogni caso, gli utenti delle piattaforme generaliste hanno un profilo prevalentemente etero.

Anche la seconda domanda più importante viene sollevata all’inizio ed è correlata alle aspettative sul tipo di relazione che stiamo cercando. Ad esempio, in Meetic, il primo screenshot ti interroga bruscamente: «Sei pronto per una relazione?», E le opzioni principali sono tre: «Sì, mi piacerebbe molto», «Dipende dal caso» e «No». Una quarta opzione per gli indecisi è anche aggiunta in caratteri più piccoli: «Lo riservo per me stesso».

Oltre a Meetic e eDarling, be2 fa parte dell’elenco di siti Web seri. Tuttavia, sebbene abbia più di 30 milioni di utenti in tutto il mondo, l’implementazione di be2 in Italia è inferiore rispetto alle due piattaforme sopra menzionate.

Le piattaforme di dating

Chi vuole cercare un partner stabile quando può avere diversi appuntamenti a settimana? A volte ciò che conta è l’immediatezza del flirt e non la profondità o la durata della relazione, e per questo motivo ci sono applicazioni facili da usare che vanno dritte al punto, senza la necessità di rispondere a domande complicate. Queste app sono cresciute specialmente nel calore dei social network e hanno un pubblico leggermente più giovane rispetto alle piattaforme più serie. L’uso dello smartphone è essenziale, ed è per questo che tutte queste applicazioni per il dating hanno versioni per iOS e Android.

cerca una coppia

Se trovare un partner stabile non è una priorità per te, una delle app più popolari per flirtare in Italia è Tinder, che si caratterizza per la sua semplicità e velocità, e perché hai solo bisogno di avere un account Facebook attivo. Una volta dentro, il sistema caratteristico di Tinder consiste nel far scorrere la fotografia dei tuoi amanti possibili a destra se sono da contattare, e a sinistra se sono da ignorare. Qui la velocità è importate, perché non si tratta di scegliere con cura la persona con cui condividerai il resto della tua vita, ma piuttosto l’opposto, e quindi la strategia del flirt si basa più sulla quantità che sulla selezione. Se parliamo di pesca, Tinder lo fa con le reti da traino, in modo che gli utenti tendano a far scorrere il maggior numero di foto verso destra, al fine di aumentare le probabilità di trovare una corrispondenza. Una volta che sono collegati l’un l’altro, il gioco è fatto.

Ultimamente, il regno di Tinder è minacciato da Happn, che ha più di 26 milioni di utenti in tutto il mondo ed è vicino a un milione anche qui da noi. La caratteristica fondamentale di Happn sta nel suo sistema di geolocalizzazione, quindi è possibile contattare gli utenti che effettuano lo stesso percorso per le strade della città. La fantasia di conoscere la persona con cui ci si imbatte ogni giorno in metropolitana non è impossibile, a condizione che la persona abbia anche il suo happn, e naturalmente, la persona desiderata accetti l’invito. Happn è anche molto vicino ai social network: si collega a Facebook e può anche essere collegato ai tuoi account Instagram e Spotify.

Le app rivolte alle donne

Muapp sostiene di essere la prima applicazione di dating ideata da e per le donne in un ambiente eterosessuale, non necessariamente per gli incontri. Lo slogan non lascia dubbi: «Dove le donne avranno un vantaggio» è la frase che appare sulla home page, per stabilire sin dal primo momento quali sono le regole. Per cominciare, sono loro che decidono se un uomo può accedere alla «vetrina», una decisione presa sulla base di un certo numero di garanzie da parte dell’utente. Una volta passato questo filtro, l’uomo può finalmente interagire, anche se la decisione finale di convalidare un appuntamento corrisponde sempre alla donna. Inoltre, le donne avranno sempre più accesso alle informazioni che viceversa. Ad esempio, le ragazze possono monitorare l’attività degli uomini su Muapp per rilevare se stanno contattando altre donne.

Adoptauntio è stata per molto tempo il dominio delle donne all’interno del gioco delle parti, in una piattaforma che ha le sembianze di un negozio virtuale, dove il prodotto è… un ragazzo. Anche se il nome ha un alto contenuto di ironia, il concetto stesso di «adottare un ragazzo» ha ricevuto qualche critica per la sua scorrettezza politica. In ogni caso dobbiamo riconoscere che l’approccio è sincero, perché chiarisce che non è un’app per trovare un partner. Paradossalmente, in Adoptauntio ci sono anche casi di coppie che si sono conosciute e sono diventate stabili.

In Adoptauntio sono le donne che scelgono i possibili candidati da «adottare». Ad esempio, la sezione «Le nostre promozioni» raggruppa uomini in gruppi come «Latinos», «Pijos» o «Hipsters». Da parte loro, gli uomini possono solo essere autorizzati ad adottare e interagire solo quando hanno avuto l’approvazione. A volte, quando ci sono troppi uomini online, l’app li blocca. Oh, e un’altra cosa: sebbene sia un’app gratuita, gli uomini devono pagare quando si verifica questa situazione di «ora di punta». La lamentela più comune degli uomini è che in Adoptauntio «è sempre l’ora di punta».

Per le coppie gay

Grindr è l’app più popolare tra la comunità gay e sin dal suo inizio si è incentrata sulla geolocalizzazione per facilitare l’incontro con altri utenti che ti sono vicini in un determinato momento. In ogni caso, anche se questa app entrerebbe nella sezione di «incontri sessuali», la verità è che non è usata solo per questo scopo, dal momento che molti utenti si connettono per il semplice piacere di incontrare nuove persone e persino di trovare un partner stabile. I commenti su Grindr di solito si concentrano sulle differenze tra la versione gratuita e la versione a pagamento. Apparentemente, in ogni nuovo aggiornamento, Grindr taglia sempre un po’ di opzioni in più per gli utenti dell’opzione gratuita per incentivare la versione di Grindr Xtra.

D’altra parte, Wapa è l’applicazione orientata all’opzione di ricerca ragazza-ragazza, con un approccio incentrato anche sulla geolocalizzazione. Come altre app, Wapa ti consente di visualizzare le foto delle ragazze lesbiche che si trovano nei pressi della tua città. Inoltre, a differenza di Grindr, c’è la possibilità di lasciare una «impronta digitale» per dichiarare interesse per una utente.

Un altro aspetto da tenere presente è che le app per incontri gay funzionano molto bene nelle grandi città, ma non nelle aree rurali o in alcune città più piccole. Questo per ragioni che non hanno nulla a che fare con la tecnologia, ma con la mentalità tradizionale che persiste nelle zone meno popolate, e di conseguenza la comunità gay si sente più a suo agio in ambienti cosmopoliti. Non è sorprendente che Madrid e Barcellona abbiano i tassi più alti nell’uso di queste applicazioni.

Geeks e persone VIP

Per quanto bizzarri possano sembrare i tuoi gusti e hobby, o comunque esclusivo il tuo mondo, ci sono molte opzioni per trovare un partner. Cuddli o Geekmore sono le tue applicazioni se fai parte di un gruppo di fan, ad esempio, di manga o Star Wars.

Ci sono anche persone di alto rango che si degnano solo di contattare persone dello stesso livello economico. A parte le considerazioni morali, la verità è che persino Tinder ha creato una versione VIP e segreta chiamata Tinder Select in cui solo i contatti tra milionari o personaggi famosi sono accessibili con un invito rigoroso. Ma se sei povero e vuoi far parte di quel gruppo selezionato, la bellezza è la chiave che può aprire la porta dell’Olimpo per te, dal momento che puoi essere accettato se hai un certo grado di influenza, specialmente se hai persone ricche o famose tra le tue Seguaci di Instagram.

Prezzi delle app per appuntamenti

In generale, potremmo dire che le piattaforme «serie» per trovare un partner sono a pagamento, mentre le app «per incontri» hanno basato la loro espansione sulla gratuità della versione più semplice. I prezzi variano anche all’interno delle piattaforme della stessa categoria – eDarling è un po’ più caro di Meetic – e ci sono anche differenze nella modalità di fatturazione, anche se normalmente c’è un prezzo mensile con una fatturazione minima di tre mesi.